Servizi

Per i controlli della resistenza delle strutture in c.a., degli acciai e dei pilastri in c.a. del loro stato di fatto e del numero e tipologia di armature impiegate nel confezionamento del c.a., utilizziamo le seguenti metodologie:

  • Rilievo geometrico-strutturale eseguito con metodi speditivi e/o strumentali;
  • Indagini pacometriche per l’individuazione dell’armatura negli elementi in c.a.;
  • Microscassi per l’individuazione di tipologia e diametri dell’armatura delle strutture verificate;
  • Carotaggi meccanici al fine di ottenere un’indicazione sul valore medio della resistenza a compressione e del modulo elastico del calcestruzzo in opera;
  • Prove colorimetriche finalizzate alla verifica della profondità di carbonatazione del calcestruzzo;
  • Indagine SonReb, comprendono indagini slerometriche e ultrasoniche al fine di valutare in modo indiretto la resistenza del calcestruzzo su un numero di elementi considerato rappresentativo dell’intera struttura;
  • Prove pull-out (estrazione di inserti) usate per determinare la resistenza del calcestruzzo;
  • Prove pull-off, permette la misura della resistenza a trazione o della resistenza allo strappo di un materiale;
  • Verifica del potenziale di corrosione utilizzato per la verifica del grado di protezione delle armature;
  • Indagini georadar ad alta risoluzione per la verifica completa delle armature;
  • Indagine visiva su strutture metalliche per l’individuazione di macro difetti;
  • Spessimetro da acciaio IR per la verifica degli spessori di acciaio;
  • Prove con durometro, per la verifica della durezza dell’acciaio;
  • Prove magnetoscopiche per la verifica di saldature in opera;
  • Liquidi penetranti;
  • Indagini ultrasoniche su saldature;
  • Prelievo di campioni metallici per l’esecuzione di prove di laboratorio.

Per i controlli sulle tipologie di murature in pietra o mattoni utilizziamo le seguenti metodologie:

  • Aperture intonaco 1x1m per definizione tessitura muraria e del suo immorsamento con strutture verticali e orrizzontali;
  • Indagini videoendoscopiche al fine di verificare la stratigrafia del paramento murario;
  • Martinetti piatti singoli e/o doppi per la determinazione della tensione di esercizio, del limite elastico, del modulo elastico e del limite di rottura di una porzione di muratura portante dell’edificio;
  • Prove a taglio semplice-SHOVE TEST;
  • Indagini penetrometriche per avere una stima della resistenza meccanica della malta;
  • Indagini sclerometriche per la verifica della resistenza meccanica della malta;
  • Prelievo di campioni malta per indagini mineralogico-petrografiche in laboratorio;
  • Prova di compressione su blocco laterizio.

Per i controlli delle travi lignee utilizziamo le seguenti metodologie:

  • Ispezione visiva e rilievo geometrico strutturale;
  • Prove resistograph per verificarne l’integrità e individuare la sezione resistente;
  • Prove con igrometro da legno, per rilevare l’umidità;
  • Prove con sclerometro da legno, al fine di verificare lo stato di conservazione delle strutture lignee;
  • Auscultazione sonora per la verifica della presenza di attacco xilofago;
  • Prelievi di campioni lignei per analisi morfoanatomica in laboratorio.

Per la verifica delle località colpite da sisma si agisce in base alla struttura con le metodologie sopra e sotto elencate.

Prove di carico su elementi fondazionali e solai:

  • Prove di carico a compressione e trazione su pali e micropali di fondazione e tiranti;
  • Prove di carico su piastra per stimare i cedimenti e calcolare il modulo di deformazione di terreni, sottofondi e rilevati;
  • Prove con carico diretto mediante l’ausilio di sacchi di cemento, mezzi meccanici, ….
  • Prove di carico con serbatoi flessibili da riempire d’acqua;
  • Prove con martinetti a spinta;
  • Prove con martinetti a tiro;
  • Prove di carico dinamiche.

Per la verifica delle fondazioni utilizziamo le seguenti metodologie:

  • Rilievo dell’ammetenza meccanica per sollecitazione impulsiva assiale su pali di fondazione al fine di verificarne l’integnità e la lunghezza;
  • Prove cross-hole su pali di fondazione e diaframmi al fine di verificarne l’integrità e lunghezza;
  • Realizzazione di scavo a mano e mediante escavatore per determinare profondità e geometria delle fondazioni;
  • Indagini georadar per verificare le dimensioni delle strutture di fondazione in caso di impossibilità di scavo diretto;
  • Rilievo delle vibrazioni indotte sui fabbricati limitrofi.

Per la verifica dei terreni di fondazione utilizziamo le seguenti metodologie:

  • Indagini georadar;
  • Prove penetrometriche statiche e dinamiche;
  • Prove sismiche MASW-HVSR;
  • Sondaggi a carotaggio continuo e prove in sito;
  • Relazioni geologiche e geotecniche.

Per la verifica dei solai e controsoffitti utilizziamo le seguenti metodologie:

SOLAI

  • Controllo visivo dei solai in latero cemento;
  • Indagine preliminare mediante termografia IR per l’individuazione dell’orditura dei solai;
  • Analisi sonica mediante battitura manuale con asta telescopica e martellinatura di dettaglio;
  • Indagine sonica con metodo strumentale;
  • Microscassi per l’individuazione di tipologia, geometria e orditura solai.

CONTROSOFFITTI

  • Indagine preliminare mediante ispezione visiva;
  • Verifica agganci di piedini e corpi illuminanti.